Messaggio di errore

Non è stato possibile copiare il file temporary://filefzKp05, poiché la cartella di destinazione non è configurata correttamente. Questo può derivare da un problema con i permessi dei file o delle cartelle. Per maggiori informazioni controlla il log di sistema.

Comunicati stampa

Data pubblicazione Oggetto File
03/02/2015

“E’ un piacere acquisire sedi e competenze professionali. E’ nostra intenzione fare di Gioia del Colle una sede importante”. Così il direttore generale dell’Arif Puglia Giuseppe Maria Taurino, in occasione della cerimonia di consegna della sede della ex Comunità Montana della Murgia barese Sud est, di Gioia del Colle, da oggi sede provinciale dell’Arif. I locali della ex Comunità, siti in via Canonico Indellicati, 35, ospiteranno una decina di dipendenti Arif, fra cui quelli della ex Comunità transitati nell’Agenzia regionale, dopo la chiusura di tutte le comunità montane pugliesi, sancita nel 2009 con decreto del Presidente della Giunta regionale pugliese. “Un fatto sicuramente importante – ha sottolineato Taurino – perché in tal modo ci radichiamo in territori molto particolari che hanno una vocazione di tipo paesaggistico e boschivo, su cui dovremo incidere con un’azione di programmazione puntuale”. Il direttore Taurino ha ringraziato per il buon esito dell’intera operazione il presidente della Giunta regionale pugliese, il responsabile del Servizio Demanio e Patrimonio l’ingegnere Giovanni Vitofrancesco e il dirigente del Servizio Provveditorato-Economato l’avvocato Gianna Elisa Berlingerio.

Responsabile della sede provinciale di Gioia sarà Ottavio Lischio, attuale coordinatore del servizio Forestale dell’Arif per Bari e Bat.
Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Gioia del Colle, Sergio Povia che ha partecipato questa mattina all’inaugurazione, accompagnato dall’assessore alle Attività Produttive e Turismo Federico Antonicelli e il capogruppo del Pd Vito Ludovico. “Abbiamo consapevolezza – ha detto Povia – che esistono professionalità nel sistema montano che sicuramente contribuiranno al buon funzionamento della nuova sede provinciale dell’Arif. Anzi – ha aggiunto Povia – questo può essere un esempio di buona prassi per tutto il territorio. Questa potrebbe essere una delle strutture della Protezione Civile con competenza non solo sul territorio di Gioia del Colle ma anche su territori vicini come Mottola, Laterza, Santeramo”.
 

Ufficio Stampa Arif Puglia
Beppe Stallone (3929704380)

 

02/02/2015

Prevenzione e sicurezza sul posto di lavoro costituiscono per l’Arif   un passaggio fondamentale, oltre che previsto dalla normativa vigente. Ogni giorno infatti i dipendenti dell’Agenzia, sia del settore forestale che di quello irriguo, affrontano situazioni di particolare pericolosità. Sapere come prevenire e, nel caso di incidenti, come affrontare il primo soccorso, può diventare una questione di vitale importanza. Nel 2014 si sono svolti sia corsi di formazione per “Addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze” (D.lgs. 81/2008 e D.M. 10/03/98) della durata di 8 ore, che corsi di formazione per “Addetti al servizio di primo soccorso aziendale” di 16 ore. Responsabile del servizio di Prevenzione e Protezione dell’Arif è Antonio Perrone, mentre Francesco Giuliano, addetto del medesimo servizio, ha organizzato i corsi. Quelli per la prevenzione incendi sono terminati nel 2014, mentre quelli di primo soccorso sono in fase di completamento. Le fotografie si riferiscono proprio all’ultima giornata del corso di primo soccorso che si è svolto nella sede centrale dell’Arif. A tenere il corso il dottor Daniele Frassanito, della Medicina del Lavoro di Lecce e seguito da 23 dipendenti del settore irriguo delle province di Taranto e Bat. Altro docente dei corsi il dottor Francesco Carella. Complessivamente i corsi sono stati seguiti da 238 dipendenti designati dal datore di lavoro che, dopo aver sentito il medico competente, ha individuato gli addetti al primo soccorso.In particolare 116 hanno seguito i corsi antincendio e 122 quelli di primo soccorso.Ufficio Stampa Arif
Beppe Stallone 3929704380

29/01/2015

L’Alianthus altissima è una specie vegetale di origina asiatica che si sta diffondendo spontaneamente nei nostri ambienti naturali, mettendo gravemente a rischio le specie autoctone.

L’Alianthus altissima è una pianta molto invasiva, ombreggia le specie native e ne impedisce la crescita, causando quindi una perdita di biodiversità.
Occorre quindi controllarla e eradicarla. Ed è proprio questo l’obiettivo del progetto realizzato con lo strumento finanziario della Commissione Europea Life e che vede l’Agenzia Regionale per le attività Irrigue e Forestali in prima linea con il Cnr di Bari (capofila), Corpo Forestale dello Stato e Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

Per affrontare questa campagna di controllo ed eradicazione dell’Alianthus altissima occorrono professionalità e mezzi. Proprio in questi giorni, grazie al finanziamento europeo, è stato consegnato all’Arif un automezzo tipo pick-up.  

Il veicolo oggetto della fornitura è un Amarock doppia cabina 4x4 (EURO 5) con motore DIESEL 2000 BiTDI (132 kW – 180CV) dotato dei principali dispositivi di sicurezza.

Il mezzo è stato scelto appositamente per le sua caratteristiche di maneggevolezza ed affidabilità, in modo da garantire il massimo confort. L’Amarock infatti verrà utilizzato dalla squadra di operatori ARIF che si occuperà delle attività connesse alla lotta per il controllo e l’eradicazione della specie vegetale  esotica invasiva.

Il mezzo è opportunamente dotato di una struttura totalmente amovibile alloggiata sul cassone. La struttura autoportante contiene 2 vani principali sovrapposti, suddivisi ed equipaggiati con pannelli divisori, cassetti, alloggiamenti, supporti, agganci, che contiene attrezzature tipiche dell'attività forestale. Il vano inferiore, corrisponde in altezza al bordo superiore delle sponde ed è accessibile esclusivamente mediante l’apertura della sponda posteriore; contiene due cassetti destinati ad accogliere attrezzature da lavoro dotate di motore a scoppio, motosega e relativi accessori, utili per la lotta all’Ailanthus altissima. La parte superiore è organizzata in modo da poter contenere tutto l'occorrente per l'attività forestale come i Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.) quali divise, caschi, oltreché attrezzi manuali.

 

Ufficio stampa Arif
Beppe Stallone (3929704380)
 

 

16/10/2014

Firmata una Convenzione con il Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali per il Piano di assestamento forestale

PDF icon Piano di Assestamento forestale Esperti al lavoro
06/10/2014

Al via i lavori di rifunzionalizzazione dei pozzi irrigui tra Martina Franca, Locorotondo e Fasano

PDF icon Lavori Pozzi Murgia Sud Est e Valle D'Itria

Pagine